Frosinone, 4 marzo 2012 / Svoltasi fiaccolata sulla "Monti Lepini" in ricordo delle vittime della strada

Vedi anche

Nel tardo pomeriggio di domenica 4 marzo 2012, presso il quartiere Cavoni di Frosinone, si Ŕ svolta una fiaccolata, seguita da una messa presso la chiesa di San Paolo, in memoria di tutte le vittime della strada.

Si Ŕ trattato di un appuntamento, divenuto ormai abituale da quando, il 20 febbraio 2004, sulla "Monti Lepini", morý in un incidente stradale il giovane Roberto Cocco ed i suoi familiari ed amici decisero di dar vita, ogni anno, attorno a quella data, ad una manifestazione, in ricordo di lui e di tutte le vittime della strada.

Intorno alle ore 18, il corteo, scortato dagli agenti della polizia municipale Giuseppe Rea e Massimo Compagno, Ŕ partito da viale Madrid, raggiungendo il cippo posto sulla "Monti Lepini", a ricordo del giovane Renato Fabrizi, deceduto nel 1999 a causa di un incidente stradale colÓ verificatosi. Sul piccolo monumento Ŕ stato posto un mazzo di fiori dalla madre di Roberto Cocco.

Presenti, tra i numerosi partecipanti, il sindaco di Frosinone Michele Marini e l'assessore comunale Massimo Calicchia.

 

Frosinone, 04.03.2012 / Fiaccolata sulla "Monti Lepini" in ricordo delle vittime della strada (Video)

 

 

RASSEGNA STAMPA E FOTO

 

LA PROVINCIA - giovedý 1░ marzo 2012

Domenica - Partenza da viale Madrid, in zona Cavoni, alle 18

Fiaccolata per le vittime della strada

Alle 19 messa di commemorazione di tutti i defunti a San Paolo

 

IL MESSAGGERO - lunedý 5 marzo 2012

La fiaccolata sulla Monti Lepini in ricordo delle vittime della strada a cui ha partecipato anche il sindaco

Il sindaco: l'inchiesta non fermerÓ i lavori

di Denise Compagnone

 

 

 

 

 

 

 

CIOCIARIA OGGI - lunedý 5 marzo 2012

Grande partecipazione per la tradizionale fiaccolata per le vittime della strada

 

 

 

Da sin.: l'isp. Massimo Compagno ed il vice sovr. Giuseppe Rea (polizia locale di Frosinone), nonchÚ l'assessore comunale di Frosinone Massimo Calicchia

 

 

Da sinistra, in primo piano, con le fiaccole: Massimo Anniballi e Michele Marini